Giovedì 16 Luglio 2020
NOTIZIE

Nuove norme in materia di contratto di lavoro a termine

Sulla G.U. n. 301 del 29 dicembre 2007 è stato pubblicata la Legge 24 dicembre 2007, n. 247, che recepisce il Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. La Legge, entrata in vigore il 1° gennaio 2008, introduce sostanziali modifiche alla disciplina del contratto di lavoro a termine (d.lgs. 368/2001). I contratti a termine non potranno essere rinnovati all`infinito. Ferm

10/01/2008

Sulla G.U. n. 301 del 29 dicembre 2007 è stato pubblicata la Legge 24 dicembre 2007, n. 247, che recepisce il Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. La Legge, entrata in vigore il 1° gennaio 2008, introduce sostanziali modifiche alla disciplina del contratto di lavoro a termine (d.lgs. 368/2001).
I contratti a termine non potranno essere rinnovati all`infinito.
Ferma restando la disciplina della successione di contratti, qualora per effetto di successione di contratti a termine, per lo svolgimento di mansioni equivalenti, il rapporto di lavoro fra lo stesso datore di lavoro e lo stesso lavoratore abbia complessivamente superato i 36 mesi, comprensivi di proroghe e rinnovi, indipendentemente dai periodi di interruzione che intercorrono tra un contratto e l`altro, il rapporto di lavoro si considera a tempo indeterminato.
In deroga a quanto disposto, un ulteriore successivo contratto a termine fra gli stessi soggetti può essere stipulato per una sola volta, a condizione che la stipula avvenga presso la Direzione provinciale del lavoro competente per territorio e con l`assistenza di un rappresentante di una delle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale cui il lavoratore sia iscritto o conferisca mandato.
Le disposizioni non trovano applicazione nei confronti delle attività stagionali
Il lavoratore che, nell`esecuzione di uno o più contratti a termine presso la stessa azienda, abbia prestato attività lavorativa per un periodo superiore a 6 mesi, ha diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal datore di lavoro entro i successivi 12 mesi con riferimento alle mansioni già espletate in esecuzione dei rapporti a termine.

L`art. 1, c. 43, della L. 247 dispone in fase di prima applicazione:
a) i contratti a termine in corso alla data di entrata in vigore della presente legge continuano fino al termine previsto dal contratto, anche in deroga alle disposizioni di cui al comma 4-bis dell`articolo 5 del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368, introdotto dal presente articolo;
b) il periodo di lavoro già effettuato alla data di entrata in vigore della presente legge si computa, insieme ai periodi successivi di attività ai fini della determinazione del periodo massimo di cui al citato comma 4-bis, decorsi 15 mesi dalla medesima data.
Sono esclusi:
a) i contratti di lavoro temporaneo di cui alla legge 24 giugno 1997, n. 196, e successive modificazioni;
b) i contratti di formazione e lavoro
c) i rapporti di apprendistato, nonché le tipologie contrattuali legate a fenomeni di formazione attraverso il lavoro che, pur caratterizzate dall'apposizione di un termine, non costituiscono rapporti di lavoro.
Sono esclusi dalla disciplina del presente decreto legislativo i rapporti di lavoro tra i datori di lavoro dell'agricoltura e gli operai a tempo determinato così come definiti dall'articolo 12, comma 2, del decreto legislativo 11 agosto 1993, n. 375.
Nei settori del turismo e dei pubblici esercizi e' ammessa l'assunzione diretta di manodopera per l'esecuzione di speciali servizi di durata non superiore a tre giorni, determinata dai contratti collettivi stipulati con i sindacati locali o nazionali aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale. Dell'avvenuta assunzione deve essere data comunicazione al centro per l'impiego entro cinque giorni. Tali rapporti sono esclusi dal campo di applicazione del presente decreto legislativo.
Sono esclusi i rapporti instaurati con le aziende che esercitano il commercio di esportazione, importazione ed all'ingrosso di prodotti ortofrutticoli.
Sono in ogni caso esenti da limitazioni quantitative i contratti a tempo determinato conclusi:
a) nella fase di avvio di nuove attività per i periodi che saranno definiti dai contratti collettivi nazionali di lavoro anche in misura non uniforme con riferimento ad aree geografiche e/o comparti merceologici;
b) per ragioni di carattere sostitutivo, o di stagionalità, ivi comprese le attività già previste nell'elenco allegato al decreto del Presidente della Repubblica 7 ottobre 1963, n. 1525, e successive modificazioni;
c) per specifici spettacoli ovvero specifici programmi radiofonici o televisivi;
d) con lavoratori di età superiore a 55 anni.

Documenti Allegati
Scheda riepilogativa manovra finanziaria 2008

Il documento contiene delle scede sintetiche relative a adempimenti ed aevolazioni previste dalla finanziaria 2008. Scarica Apri allegato

   Seguici su Facebook